A chi dobbiamo rivolgerci per i prestiti Inpdap?

Nel 2011 con il decreto Salva Italia è stata soppressa l’Inpdap, questo ha avuto come diretta conseguenza le pratiche riguardanti i lavoratori e i pensionati della Pubblica Amministrazione sono passate all’Inps. L’Inps se ne occupa attraverso la Gestione Dipendenti Pubblici, che è stata creata appositamente per questo scopo.

Perciò se volete cercare un prestito Inpdap potete tranquillamente rivolgervi all’Inps e a questa sezione cui spetta la gestione e l’erogazione del credito. Anche dopo il 2011 questi prestiti sono sempre più richiesti, e sostanzialmente sono anche abbastanza vantaggiosi in base soprattutto alla cifra di cui avete bisogno.

L’importo massimo finanziabile con questi prestiti , ammonta a circa una somma pari a due mensilità medie nette per ogni anno di durata del finanziamento. Quest’ultima si riduce ad una per ogni anno dove si sia ancora impegnati nel ripagare altri finanziamenti.

In questo tipo di prestiti la formula di pagamento che vi verrà applicata è quella della cessione del quinto, dello stipendio o della pensione a seconda dei casi.

Questo tipo di prestiti sono sempre più popolari, e il motivo è molto semplice da capire: infatti la grande popolarità deriva fondamentalmente dall’estrema convenienza che si ha nei tassi di interesse applicati, che sono decisamente più bassi rispetto a quelli che caratterizzano il mercato generico del credito. Non meno importante è il fatto che il piano di rientro che viene impostato in sede contrattuale è destinato a rimanere comunque invariato lungo tutto l’arco del recupero dei crediti, non può subire alcun tipo di oscillazione. Quest’ultimo fattore è una sicurezza maggiore ovviamente di cui dobbiamo tenere conto.

Per poter iniziare le procedure di prestito è necessario presentare una domanda preliminare. La domanda va redatta sugli appositi moduli che troverete anche online e sono disponibili nella sezione Modulistica del sito Inps. Ovviamente se riscontrate qualche problema potrete rivolgervi direttamente ad un ufficio Inps il più vicino a voi. Successivamente la domanda si può spedire in via telematica senza alcun problema. Se state richiedendo un prestito e siete ancora in servizio attivo, allora la domanda va presentata tramite l’Amministrazione di appartenenza. I pensionati solo devono rivolgersi esclusivamente agli uffici Inps. Per altre delucidazioni o consigli e per i documenti da presentare visitate il sito Guidaprestitiinpdap.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *